“La cena“

(spettacolo teatrale con musica dal vivo e cena per il pubblico)

Note di regia: una tavola spoglia, una tavola imbandita, un prima e un dopo, una perfezione-una imperfezione, funzionali l’una all’altra, inscindibili, quale la nostra distanza da pretenziosi imperfetti dall’imperfezione. Attori? Attori! Non attori? Non attori! Esseri, portatori di un’eleganza del vivere (per fortuna), affrancata da qualsiasi cittadinanza, che srotolano davanti agli occhi di commensali voraci, antropofaghi, voyeuristici, commovibili, semplicemente il loro agire, il loro incontrarsi, il tentativo di mostrare a se stessi di saper fare, di saper incontrare e di esserci. In un ristorante (forse ideale e inesistente) un gruppo di attori snocciola azioni basate non sul senso e nemmeno sul racconto di una qualsivoglia storia, ma semplicemente atmosfere commoventi e coinvolgenti, in un’ideale menù dei sentimenti.

ideazione e regia E. Toma e S. Masotti;
coordinamento pedagogico e organizzativo S. Brambati;
con attori-non attori del laboratorio-scuola ZeroFavole;
costumi E. Toma; luci S. Masotti;
produzione di ZeroFavole;
con il sostegno di fondazione Alta Mane Italia (RM))
con musiche eseguite dal vivo da: Daniela Beltrami e InBand/OrchestraAllegroModerato (MI)
prova-1

Foto di Fabio Villa